Ricerca per ' lavoro'

Informatizzazione di studi legali e professionisti: manca alfabetizzazione digitale

L’Osservatorio Ict & Professionisti ha avviato un’indagine per svelare l’informatizzazione di avvocati, commercialisti, consulenti del lavoro e studi multidisciplinari.

Quello che manca è un’alfabetizzazione digitale: molti professionisti pensano di non essere in grado di usare la tecnologia e quindi non si innovano né informatizzano. Leggi tutto

Accumulava punti con la spesa dei clienti. Cassazione, licenziamento proporzionale alla condotta della cassiera

Licenziata dalla società per cui lavorava nel 2004 senza preavviso per aver accumulato punti nella sua Carta Fedeltà con le spese dei clienti. La ragazza ha chiesto l’accertamento della nullità o illegittimità del licenziamento, il reintegro nel posto di lavoro e il pagamento di tutte le retribuzioni maturate e maturande fino alla reintegra, oltre rivalutazione monetaria ed interessi legali.
La Corte di Cassazione, con sentenza 31 ottobre 2013, n. 24588, rigetta il ricorso.Leggi tutto

Sicurezza sul lavoro: colpevole il datore se è insufficiente la formazione dei dipendenti

La Corte di Cassazione, con sentenza del 1 ottobre 2013, n. 40605, torna a parlare di sicurezza sul lavoro e dichiara inammissibile il ricorso del legale rappresentante di una società, colpevole di formazione insufficiente ai suoi dipendenti.Leggi tutto

App per professionisti e avvocati: semplificare il lavoro si può

Le app diventano sempre più rilevanti nel mondo del lavoro, in quanto aiutano i professionisti a migliorare le proprie prestazioni e ad ottimizzare i tempi.

Leggi tutto

Social network e avvocati: uno strumento per tornare al passaparola

Il blog e l'uso dei social network da parte degli avvocati: è etica l’autopromozione riguardante le proprie specializzazioni?

Qualcuno punta il dito contro gli “endorsement” di Linkedin dove chiunque può certificare come esperto un avvocato.Leggi tutto

La sentenza n. 21203 del 17 settembre 2013 della Corte di Cassazione tratta la tematica del licenziamento per giusta causa, per cui l’allontanamento costante dal posto di lavoro e ritardi immotivati costituiscono una fattispecie riferibile all'art. 2119 c.c. che prevede la risoluzione in tronco del rapporto di lavoro, in quanto si lede irrimediabilmente il nesso di fiducia tra datore e dipendente.Leggi tutto

La Corte di Cassazione con sentenza 26 novembre 2013, n. 26401, tratta il tema del danno morale in caso di infortunio sul posto del lavoro.
Con sentenza del 2 gennaio 2010, la Corte d’Appello di Potenza respingeva il gravame svolto da un’azienda e aveva accolto la domanda proposta da un dipendente per la condanna della società al pagamento del risarcimento del danno morale, Leggi tutto

Dipendente a tempo pieno e libero professionista nel tempo libero: reddito troppo basso. Sentenza della Cassazione.
Un geometra, dipendente a tempo pieno in un’azienda privata, svolgeva la libera professione nel tempo libero, ma questa situazione non può legittimare il reddito negativo dichiarato.

Leggi tutto

La Giunta dell'Organismo Unitario dell'Avvocatura contesta il progetto del Governo, "Destinazione Italia", presentato il 18 settembre scorso. Tra i nodi controversi: il tribunale delle imprese, il processo civile, le materie relative al "lavoro", la mediazione obbligatoria. Su questa ultima questione Nicola Marino, presidente dell’OUA, ha ricordato che “il 20 settembre scorso è entrato in vigore un sistema che nella sue precedenti applicazioni ha già dimostrato di essere un completo fallimento.Leggi tutto